Books

Arturo's Island

Arturo s Island ON A SMALL ISLAND in the Tyrrhenian Sea there lives a boy as innocent as a seabird Arturo s mother is dead his father away Black clad women care for him give him the freedom to come and go as he like

  • Title: Arturo's Island
  • Author: Elsa Morante
  • ISBN: 9781586420413
  • Page: 120
  • Format: Paperback
  • ON A SMALL ISLAND in the Tyrrhenian Sea there lives a boy as innocent as a seabird Arturo s mother is dead his father away Black clad women care for him, give him the freedom to come and go as he likes Then the father returns with a new wife, Nunziata, a girl barely older than Arturo At first hatred and contempt are all the boy feels for his stepmother In time, ArturON A SMALL ISLAND in the Tyrrhenian Sea there lives a boy as innocent as a seabird Arturo s mother is dead his father away Black clad women care for him, give him the freedom to come and go as he likes Then the father returns with a new wife, Nunziata, a girl barely older than Arturo At first hatred and contempt are all the boy feels for his stepmother In time, Arturo and Nunziata re create the tragedy and passion that are as old as the history of men and women.

    • µ Arturo's Island || ↠ PDF Download by ☆ Elsa Morante
      120 Elsa Morante
    • thumbnail Title: µ Arturo's Island || ↠ PDF Download by ☆ Elsa Morante
      Posted by:Elsa Morante
      Published :2020-03-16T09:42:11+00:00

    About "Elsa Morante"

    1. Elsa Morante

      Elsa married the novelist Alberto Moravia in 1941, and through him she met many of the leading Italian thinkers and writers of the day.Morante began writing short stories which appeared in various publications and periodicals, including periodicals for children, in the 1930s Her first book was a collection of some of the stories, Il Gioco Segreto, published in 1941 It was followed in 1942 by a children s book, La Bellissime avventure di Cater dalla Trecciolina rewritten in 1959 as Le straordinarie avventure di Caterina.

    746 Comments

    1. Non capisco perché tu sia ancora qui e non in libreria a comprare questo libro.Si, ce l’ho con te, noioso vacanziero in bermuda, che mi parli della tua isola decantando le lodi dell’ultimo Hotel Resort dotato di piscina olimpionica e suite per campeggiatori di lusso. Tu che mi parli del design intrinseco dei campi coltivati a terrazza, e non sai cos’è la mosca olearia. Tu, che dai occhiate professionali agli immobili del tuo paese, dividendoli per destinazione d’uso. Fatti un giro a Pr [...]


    2. uno o due secoli fa arturo e la sua isola furono, insieme ai pasoliniani ragazzi di vita, i protagonisti della mia tesi di laurea. credo sinceramente che in tutta la mia carriera scolastica nessun docente abbia meritato un ringraziamento come la correlatrice che mi suggerì questo romanzo di elsa morante. bello, coinvolgente fino allo struggimento (si può rivalutare il concetto?) nonché scritto benissimo. negli anni l'ho riletto almeno due volte, e anche senza lo stupore della scoperta, e la v [...]


    3. La sua paura diventava una paura anche mia. E io e lei, insieme, dentro la stessa stanza, ci muovevamo sperduti, come attraverso un fragore prorompente, che ci urtava, ci avvicinava e ci separava, vietandoci di incontrarci mai. Elsa Morante mi ha rubato il cuore. Ha una capacità strabiliante di usare i suoi polpastrelli per rimodellare la realtà che la circonda. E' come se prendesse il mondo già pronto e, con pazienza infinita, iniziasse a dargli una forma più attraente con le sue dita inumi [...]


    4. tenetevi i vostri siddharta e piccoli principi, il libro del cuore della me adolescente era l’isola di arturor paura di rimanere delusa, non lo avevo più riletto da adulta: stupida, stupida, stupida flaminia! è stato come rituffarmi nelle passioni selvagge e viscerali di arturo e mie, è stato come non essere mai andata via dalla casa dei guaglioni, è stato ancora struggersi e innamorarsi di quelle pagine, di quella scrittura, di quei personaggin fate la mia stessa cazzata e avvalangatevi a [...]


    5. Un romanzo di formazione, un monumento alla nostra letteratura. Ma soprattutto, un incanto di libro che vi resterà attaccato addosso a lungo, come il profumo del mare che circonda l'isola di Procida.La prosa della Morante è ricca di descrizioni, intensa, musicale, quasi poetica, e capace di toccare delle corde della sensibilità mai esplorate.


    6. Elsa Morante è stata una scrittrice italiana che ha contribuito a scrivere una pagina gloriosa della nostra letteratura. 'L'isola di Arturo' è un libro bello, intimo, che si svolge in un piccolo spazio, ma che racconta una storia grande, la vita del giovane Arturo sino al compimento dei suoi sedici anni. E' il protagonista stesso che racconta i propri giorni sull'isola di Procida, giorni di solitudine, privi di affetto e di compagnia, esclusa quella del cane Immacolatella. Un'infanzia e un'ado [...]


    7. ¿Por qué no pueden ser así todos los libros que leo? En serio. Sabía que era buena, pero no había escuchado sino hasta después de terminarla el enfáctico enunciado: ‘Questo romanzo ê uno dei capolavori della letteratura italiana del novecento’. Y sí, lo es. Si bian había sido atraído por el argumento (es un bildungsoman: me gustan los bildungsroman!), a medida que lo iba leyendo me iba convenciendo más y más de la brillantez narrativa de Elsa Morante. Escribí por ahí que la no [...]


    8. A parte il numero eccessivo di punti esclamativi cui l’autrice ricorre, e che personalmente detesto, la prosa è davvero bella, esatta, evocativa, intensa. Quel che lascia, invece, un po’ a desiderare è la sostanza della storia narrata, appoggiata com’è, principalmente, al solo modo di vedere e sentire di Arturo Gerace, adolescente “tipico”, ma contemporaneamente “anomalo”. Non del tutto convincente, in linea generale, e piuttosto sbilanciata. Da narratrice ancora acerba, direi, [...]


    9. Un romanzo che ha la trama di una tragedia greca ma è costruito con il materiale delle fiabe, un materiale fantasioso e simbolico. Una avventura emotiva avvincente e coinvolgente. E' un romanzo psicologico, più che di formazione in senso classico. O forse si potrebbe definire di formazione psicologica. Il libro scorre con un ritmo piuttosto lento ed analitico, è di interpretazione non facile, o per lo meno non immediata. La seconda parte, quella che descrive l'età ingrata di Arturo, è perti [...]


    10. PERFETTO: a questo romanzo non può essere attribuita nessun'altra parola che questa. Ogni singolo personaggio, ogni avvenimento, luogo, oggetto sono stati indispensabili alla narrazione e come dei piccoli granelli, hanno intessuto questa bellissima ed indimenticabile storia. Non si può rimanere indifferenti al protagonista, Arturo, nel quale mi sono rivista molto. Orfano di madre, ma loquace ed allegro come ogni ragazzo, con un padre distaccato e misterioso, che va e viene, egli è costretto a [...]


    11. Pero qué belleza!! Sin duda Elsa Morante ya es de mis escritoras favoritas. Me emociona leerla, me emocionan sus personajes, a quienes conoces a profundidad, es una autora de grandes personajes, de enormes historias de vida. Terminé con la piel chinita, emocionada por lo bonito que es leerla. Siempre me da la sensación de estar enamorada, por la pura felicidad que me dan sus historias.¡Morante me hace tener fe en la humanidad! Si alguien puede describir a sus personajes así, con sus cualida [...]


    12. Un libro incantevole, ambientato in un luogo incantevole, la solare Procida, narra una storia incantevole, il processo di crescita del giovane Arturo, ed è attraversato da personaggi incantevoli. E' stata una delle letture più appaganti scoperte durante i miei studi universitari, una vera e autentica perla, un libro ricchissimo di emozioni. Non l'ho letto recentemente ma ho ancora impressa nella mente l'emozione che mi ha suscitato la lettura di certi passaggi, la stima di Arturo per il padre, [...]


    13. Un libro di pura poesia che tratta la crescita di Arturo e del suo bisogno incessante di affetto, ma che in realtà parla di tutti noi, del nostro attaccamento e delle nostre paure a lasciare ciò che per noi é caro. Ma per maturare bisogna allontanarsi dall'sola ( i nostri legami) perché essa può diventare anche una prigione. Sicuramente uno dei libri pii belli che abbia letto!


    14. La casa dei guaglioniHo trovato un po’ eccessive le lodi sperticate a questo romanzo, che certamente è bello e merita una lettura partecipata, ma non mi è sembrato quel capolavoro della letteratura del novecento che tanti considerano.Vanta fra i suoi maggiori punti di forza, forse il principale, la perfetta ambientazione nell’isola di Procida, non tanto dal punto di vista descrittivo e celebrativo delle bellezze naturali, quanto per la capacità di rendere palpabile lo scabro fascino dei l [...]


    15. Per iniziare questo libro ce n'è voluto di tempo, ma gli sforzi iniziali sono stati ripagati, ne è valsa la pena.Wilhelm Gerace mi ha fatto detestare questo libro inizialmente, con la sua insensata misoginia, egoismo e crudeltà con chiunque all'infuori di se stesso; un personaggio che prendereste a sberle se ve lo trovaste davanti.Ma poi c'è lui, Arturo, vittima di una mentalità che gli è stata imposta da un padre che non c'è mai per lui ma che considera un eroe, dalla ristretta realtà i [...]



    16. Arturo é um jovem solitário que, órfão de mãe, vê o pai desaparecer em frequentes viagens misteriosas que o afastam da ilha italiana de Prócida onde residem. Profundamente sensível e alvo de uma incontornável carência de amor parental, Arturo vê em Silvestro, que o criara na tenra infância, já que a mãe morrera de parto, e em Immacolatella, uma cadela branca que também viria a falecer num parto, os únicos seres por quem nutriu um recíproco e incondicional afeto. O pai regressava [...]


    17. Girata l'ultima pagina de L'isola di Arturo mi sono reso conto di aver letto uno dei più bei libri della mia vita. Non è il caso di lodare la prosa della Morante, fatta di una proprietà lessicale e linguistica che desta stupore e di un gusto delizioso e selvatico per le metafore con il mondo animale che costellano inaspettatamente tutta la narrazione facendola più dolce e vivida. C'è anche e soprattutto contenuto in questa storia: un romanzo di formazione, un placido e impetuoso viaggio ver [...]


    18. Nessun uomo è un’isola, diceva, più di quattro secoli fa, John Donne, splendido nella sua certezza che siamo talmente tutti parti dell’umanità che anche quando la campana suona per annunciare la morte di qualcuno, non suona solo per lui, ma anche per noi. Contradirebbe L’isola di Arturo, il piccolo romanzo di Elsa Morante, quest’idea? A prima vista, il suo maggior tema pare la solitudine. Arturo, l’io narrante si vede solo e orgoglioso come la stella della figura di Boote che porta [...]


    19. This was an absolutely amazing book, Elsa Morante should be more widely known, though she only wrote four books, and went into exile during WWII and had a famous husband, that may have kept people from seeing the incredible author she was. The prose was delectable, sometimes flowery descriptions detract, but in this case it just furthers the magic of our understanding of the protagonist and the island that serves as a mirror to his soul.The story follows the childhood of Arturo into his teenage [...]


    20. Quando parlo di introspezione psicologica fatta come si deve io intendo questo! Elsa Morante, con la sua prosa sopraffina, è riuscita a dipingere un personaggio dalle mille tonalità, dai mille umori, indimenticabile. E' una scrittura forte, d'impatto, grave. Alcune scene sono memorabili e mi hanno colpito nel profondo. Secondo me è un romanzo di formazione eccellente e lo sfondo dell'isola di Procida rende il tutto più etereo e affascinante.


    21. Forse, la nostra natura ci porta a considerare i giochi dell'imprevisto più vani e arbitrari, troppo, di quel che sono. Così, ogni volta, per esempio, che in un racconto, o in un poema, l'imprevisto sembra giocare d'accordo con qualche segreta intenzione della sorte, noi volentieri accusiamo lo scrittore di vizio romanzesco. E, nella vita, certi avvenimenti imprevisti, per se stessi naturali e semplici, ci appaiono, per la nostra disposizione del momento, straordinari o addirittura soprannatur [...]


    22. Leggere L'isola di Arturo, secondo romanzo dell'intramontabile Elsa Morante, è un'avventura, cui fa da sfondo il mare cristallino di Procida e il cui compagno è un ragazzino diversissimo dai suoi coetanei, così diverso da essere alla fine uguale a loro. Un ragazzino solo e felice, che vive in una bolla di sapone, estraneo al mondo vero, ai dolori ma anche agli affetti.Leggere L'isola di Arturo è vivere una vita. È entrare in punta di piedi nella memoria di Arturo, accovacciarsi in un angoli [...]


    23. Ebbene si alla fine Mi ha conquistato! Quando ho cominciato a leggere questo libro mi è montata una rabbia che la metà sarebbe bastata; questo perché il personaggio di Wilhelm Gerace è odioso, crudele, arrogante, quei personaggi che vorresti tanto fossero veri per potergli assestare due sonori schiaffi ben meritati. In realtà la storia è narrata dal figlio quattordicenne di costui, Arturo, che vive dalla sua nascita praticamente solo sull’Isola di Procida, nel castello ereditato dal pad [...]


    24. Mi aspettavo di più basandomi sui toni entusiastici con i quali ne avevo sentito parlare.Certamente è un libro molto ben scritto, dalla prosa lirica e delicata con un'abbondante e ricca aggettivazione e toni fiabeschi. Sembra che Procida, luogo in cui sono ambientate le vicende, sia un'isola senza tempo e isolata dal mondo, un universo parallelo in cui è possibile astrarsi dalla realtà e vivere in modo selvaggio secondo le proprie regole e i propri desideri. Arturo vive esattamente in questo [...]


    25. Chi sono io, chi sono! per commentare L'isola di Arturo?Con che diritto parlo della mirabile capacità di una donna, la Morante, di calarsi a tal punto nei panni di un bambino, e descriverne il tumultuoso passaggio dalla fanciullezza all'età adulta, con tale accuratezza, con finezza di particolari, e empatia di sentimenti ed emozioni?Solo con arrogante sicumera potrei parlare di tanta feconda abilità di raffigurare personaggi vivi, nelle cangianti espressioni che mutano il loro volto, le moven [...]


    26. Ogni mia recensione è la storia di come ho letto il libro. In questo caso: lo prendo in biblioteca, non ho tempo, lo restituisco, passano i mesi, cambio città, lo prendo in un'altra biblioteca, leggo qualche pagina al giorno quando mi va bene, arriva la scadenza, chiedo la proroga, butto il cellulare, mi ci metto e — superata la prima parte — lo divoro, leggendo duecento pagine tutte in una domenica di solitudine e proseguendo con lo stesso ritmo fino alla fine.Del periodo di immersione to [...]


    27. Il libro è molto bello anche se non particolarmente avvincente. Arturo vive nell'isola di Procida, descritta quasi come un locus amoenus distaccato da qualunque realtà. L'esistenza di Arturo, inizialmente, appare decisamente bizzara, ma poi, entrando nel periodo adolescenziale, Arturo inizia a mettersi nei panni di un normalissimo ragazzo. A malincuore (persino per me) alla fine del libro il protagonista prende la decisione di lasciare la sua amata isola.


    28. Very well written. Even though it is overwrought in places, philosophical in others, ambiguous and filled with often unlikeable and repressed characters, it is a real page turner! As in other Italian novels I've read, the setting, the island of Procida off the coast of Naples, is lovingly described and becomes like another character.


    29. I read this in Italian and found it one of the best written books I've ever read. The story is not important since the book is so well written. I get the impression that Elsa Morante is not read more because people think that she was Alberto Moravia's wife and was only know because of him--I really think it should be the other way around.


    Leave a Comment